L’acqua da bere per la famiglia: basta portare pesi ed inquinare!

acqua-bere-famiglia

Sono sempre di più gli italiani che scelgono le case dell’acqua installate dai comuni per rifornirsi di acqua potabile: grazie ad una potenza d’erogazione pari a 2.500 litri al giorno questi impianti hanno già permesso un risparmio di 20 tonnellate di plastica all’anno. Il che significa anche meno trasporto su strada e meno residuo da differenziare.

Per le famiglie si tratta però di una decisione che rende necessario recarsi periodicamente al distributore comunale e trasportare pesi fino alla propria abitazione. Questa scelta ecologica può, inoltre, nascondere alcune insidie: l’acqua che si preleva dalle case dell’acqua andrebbe sempre conservata in bottiglie perfettamente pulite, sigillate ermeticamente e solo per brevi periodi (massimo 1-2 giorni, al fine di scongiurare il rischio di sviluppo di una carica batterica importante).

Esistono alternative altrettanto rispettose dell’ambiente e sicure? Sì, in particolare se si considerano i risultati delle analisi svolte da Altro Consumo.

Acqua alla spina e acqua del rubinetto sono la stessa cosa

Secondo la popolare associazione dei consumatori non ci sarebbero sostanziali differenze tra l’acqua che si preleva dal rubinetto di casa e quella erogata dalle fontanelle e dalle case dell’acqua. Le analisi effettuate su un campione di dieci comuni italiani hanno rivelato che si tratta in entrambi i casi di acqua dell’acquedotto, la quale, in corrispondenza degli impianti di erogazione pubblici, viene solo blandamente addolcita e parzialmente privata del cloro.

Se si tratta della stessa acqua perché dovremmo rinunciare alla comodità di utilizzare quella dei nostri rubinetti? L’installazione di un distributore domestico collegato alla rete idrica ci permette, infatti, di ottenere il medesimo risultato, ovvero un’acqua dal buon sapore, priva di impurità e sostanze dannose, ma subito disponibile a casa nostra.

In particolare la tecnologia dei distributori d’acqua Acqualys consta di:

  • Un sistema di filtrazione: i carboni attivi neutralizzano cloro e sostanze disciolte nell’acqua, fino alla dimensione di 1 micron.
  • L’irraggiamento con luce UV: per rendere l’acqua batteriologicamente pura la sottoponiamo a questo importante trattamento.
  • APMS: perché l’acqua sia sempre al massimo della qualità il Sistema di Protezione Automatica controlla il perfetto funzionamento dell’impianto e blocca l’erogazione dell’acqua se riscontra un problema.

Naturalmente non è tutto qui.

Distributori d’acqua per la casa: la versatilità al quadrato di Acqualys Smart

E l’acqua refrigerata? E l’acqua frizzante? E l’acqua caldissima sempre disponibile per preparare tè e tisane?

La gamma SMART di ACQUALYS dispone di modelli diversi che erogano la combinazione di acqua desiderata: naturale (ambiente e fredda) e frizzante oppure naturale e calda o altre combinazioni ancora.

Immaginate l’incredibile comodità di una scelta che non vi costringe ai rifornimenti periodici, al trasporto delle bottiglie su strada e sulle scale di casa e che vi permette di tutelare l’ambiente senza mettere a rischio la vostra salute.

Inoltre, se lo spazio a vostra disposizione in cucina non permette l’installazione del distributore a colonna, potete godere di tutti i vantaggi di Acqualys Smart in versione da tavolo: lo spazio occupato in larghezza è inferiore a quello di un microonde e può essere agevolmente appoggiato sul piano cucina o su un mobile.

Ecco quindi un caso in cui scelte sostenibili e semplificazione della routine familiare vanno assolutamente d’accordo, non credete?