I PURIFICATORI D’ACQUA ACQUALYS SONO IDONEI A FRUIRE DEL CREDITO D’IMPOSTA PARI AL 50% (LEGGE 30 dicembre 2020, n. 178).

Distributori di acqua potabile: anche nelle scuole più attenzione alla purezza dell’acqua

Quando si è genitori una delle maggiori preoccupazioni nei confronti dei propri figli riguarda la qualità di ciò bevono, soprattutto quando sono a scuola. Bere acqua del rubinetto, infatti, è pratica usuale tra gli studenti, ma siamo davvero certi che questa tipologia di acqua sia sempre di qualità ?

Sappiamo che la rete idrica pubblica è soggetta a numerosi e costanti controlli che ne attestano la qualità, tuttavia, in luoghi frequentati da bambini e ragazzi, come gli istituti scolastici, l’installazione di distributori di acqua potabile, rappresenterebbe certamente una garanzia di salubrità in più.

Meno acqua in bottiglia nelle scuole

In questi ultimi anni sempre più strutture scolastiche hanno deciso di eliminare totalmente l’utilizzo di bottigliette di plastica durante i pasti o le pause dalle lezioni, portando nelle mense e sui banchi soltanto acqua del rubinetto. Ma cosa ha spinto la scuola italiana a compiere questa scelta?

Una delle ragioni principali che ha spinto molti istituti a prendere questa decisione è la crescente sensibilità alle tematiche legate all’eco sostenibilità, in quanto consente di contribuire alla causa ambientale, riducendo la produzione di rifiuti inquinanti; basta pensare che 1 kg di PET – che equivale a circa 25 bottiglie da 1,5 litri – consuma 2 chili di petrolio e 17,5 litri di acqua, senza contare l’emissione di gas nocivi come zolfo e monossido di carbonio.

Un’altra ragione, che ha convinto ad un maggiore utilizzo dell’acqua pubblica, è il notevole risparmio economico che questa scelta comporta; una bottiglia d’acqua, infatti, costa dalle trecento alle mille volte in più, gravando spesso sui bilanci scolastici o sulle famiglie. Infine, un maggiore consumo di acqua pubblica, incentiva i comuni stessi ad aumentare i controlli periodici dell’acquedotto, garantendone così la salubrità.

Distributori di acqua potabile: contro la poca fiducia della rete idrica

Tuttavia, l’eliminazione dell’acqua in bottiglia in molte scuole, in alcuni casi, ha suscitato delle reazioni contrariate da parte dei genitori. All’origine di questo malcontento c’è una scarsa fiducia nella qualità dell’acqua pubblica, considerata a rischio di presenza di impurità, ignorando, però, che i controlli a cui viene sottoposta sono maggiori e più frequenti di quelli effettuati per le acque minerali in bottiglia. I distributori di acqua potabile sono collegati alla rete idrica e purificano l'acqua da impurità e batteri residui rendendo l'acqua più sicura per gli studenti

Per ovviare a questo problema, basta installare un erogatore d’acqua collegato direttamente alla rete idrica e in grado di fornire acqua alla spina, pura e buona, ad ogni erogazione. A rendere più sicura l’acqua erogata ci pensano, infatti, degli speciali filtri (in grado di eliminare eventuali residui presenti nell’acqua, tra cui il cloro, che conferisce all’acqua un sapore sgradevole) e l’irraggiamento con luce UV (che elimina eventuali batteri), rendendola ancora più sana e sicura per bambini e ragazzi.

A compiere questa scelta è stato, per esempio, il comune di Salsomaggiore, che per salvaguardare la salute dei propri cittadini più giovani e l’ambiente ha deciso di affidarsi ad Acqualys per dare alla propria scuola uno spillatore d’acqua efficiente e sicuro. Ed ecco quanto riferito da Ombretta Cappellini:

“Volevamo mettere un erogatore a disposizione della nostra scuola comunale, per evitare gli sprechi di acqua e plastica. Allo stesso tempo cercavamo un prodotto che ci fornisse una sicurezza sulla qualità dell’acqua che davamo da bere ai nostri ragazzi. Grazie all’erogatore Waterlogic di Acqualys,siamo tranquilli di ridurre gli sprechi e di dare un ottimo servizio.”.

Acqua microfiltrata: i vantaggi

Dal momento che, come già detto, molte scuole hanno scelto di bandire le bottiglie di plastica dai loro istituti, molti studenti durante la giornata, per dissetarsi, sono costretti a usufruire dei rubinetti dei bagni. Tuttavia, bere in aree pubbliche di questo tipo non è per niente igienico, anche se l’acqua fornita dalla rete idrica è pulita e controllata.

Grazie a un distributore di acqua potabile, invece, gli alunni potranno idratarsi durante tutto l’arco delle lezioni con acqua sempre fresca e depurata da ogni sostanza potenzialmente nociva per la salute. Poter contare sulla presenza di un dispenser d’acqua microfiltrata collegato direttamente alla rete idrica permette, finalmente, di poter bere acqua buona, sicura e a km 0.