Acqua con retrogusto metallico? Elimina il cattivo sapore con un distributore d’acqua per ufficio

acqua retrogusto metallico

acqua retrogusto metallicoUn ambiente sano e pulito è uno dei fattori più importanti per il benessere psicofisico di ogni lavoratore. Spesso, tuttavia, anche gli uffici più moderni non si rivelano all’altezza delle aspettative dei loro frequentatori per quanto riguarda la qualità dell’acqua da bere. Questo perché spesso, per bere in ufficio, le uniche possibilità sono l’acqua del rubinetto, costose bottigliette in plastica o i classici boccioni la cui acqua è stata imbottigliata settimane o mesi prima e trasportata per centinaia di km e che, in aggiunta, possono avere problemi di ristagno dell’acqua nei periodi di scarso consumo (come weekend e ferie).

Uno dei problemi che si verificano più frequentemente quando si beve l’acqua del rubinetto, a casa come in ufficio, è quello di avvertire uno spiacevole retrogusto di metallo: ma da cos’è causato di preciso e quali sono le soluzioni per eliminarlo? Vediamolo insieme.

Retrogusto metallico nell’acqua: da cosa dipende e come può essere eliminato?

Esistono diverse cause per il sapore metallico che si avverte talvolta nell’acqua del rubinetto: la più comune è la presenza di residui di metalli come ferro, manganese, zinco e rame. Questi residui sono in genere prodotti dal deterioramento delle vecchie tubature presenti nei quartieri residenziali, specialmente quelle in ferro che hanno superato gli 80 anni di vita senza mai essere state sottoposte ad alcuna manutenzione. Se l’acqua erogata in ufficio proviene da una sorgente a pozzo, invece, la causa del suo sapore metallico può essere individuata in processi di corrosione o infiltrazioni in atto. Un altro possibile motivo del retrogusto di metallo risiede nel pH dell’acqua: quando questo è molto basso essa assume per l’appunto un sapore metallico o salino.

Se avete dei dubbi, chiedete che sia effettuato un test dell’acqua per valutarne il pH e l’eventuale presenza di residui metallici: alcuni di questi, come il piombo, sono tossici per l’organismo umano. Per risolvere definitivamente il problema del retrogusto metallico nell’acqua in ufficio, oltre a effettuare interventi di manutenzione e sostituzione delle tubature, una soluzione decisamente più semplice da realizzare, economica ed efficace è poi quella di dotarsi di un distributore d’acqua per uffici.

 

Distributore acqua per l’ufficio: come migliora la qualità dell’acqua?

dispenser acqua uffici acqualysUn distributore acqua per ufficio opportunamente scelto filtra e purifica l’acqua proveniente dalla rete idrica, rendendola batteriologicamente pura (con la possibilità normalmente di erogarla poi con diverse opzioni: liscia fredda o a temperatura ambiente, frizzante o calda). L’acqua così filtrata risulta priva di quei cattivi sapori e odori che sono originati dalle sostanze potenzialmente presenti negli acquedotti. I dispenser Waterlogic, distribuiti in Italia da Acqualys, eliminano dall’acqua ogni residuo e sono pensati per andare incontro a necessità di ambienti di lavoro di diverse dimensioni: WL Cube, ad esempio, si rivolge a utenze fino a dieci persone, mentre WL 2 è un’ottima soluzione per uffici di dimensioni maggiori (ma anche di scuole, case di riposo, industrie o altre aree ad alta frequentazione).

 

Il loro design elegante li rende un raffinato complemento d’arredo per ogni tipo di locale, ma le loro virtù si identificano soprattutto nella capacità di offrire sempre un’acqua pura e sana, senza l’ingombro e il costo dei boccioni né il disagio di dover portare con sé pesanti bottiglie d’acqua.